News

01 January 2013

NOVITA' IVA 2013

Per effetto delle modifiche apportate allachaumet duometre formulazione del comma 2 dell'art.17 del DPR n.633/72, a partire dal 1° gennaio 2013, per le operazioni (sia cessioni di beni che prestazioni di servizi) territorialmente rilevanti in Italia e poste in essere da soggetti passivi stabiliti in altro Paese Ue, gli obblighi di assolvimento dell'imposta fanno capo al cessionario/committente utilizzando obbligatoriamente la procedura dell’integrazione della fattura.

Con riferimento alle operazioni effettuate a partire dalla predetta data, infatti, tale soggetto è tenuto ad adempiere agli obblighi di fatturazione e registrazione secondo le disposizioni contenute negli artt.46 e 47 del D.L. n.331/93, e cioè adottando la procedura già prevista in passato per gli acquisti intracomunitari di beni. La stessa consiste, infatti, nell’integrazione della fattura emessa dal fornitore comunitario con aliquota e imposta applicabili all’operazione e previa individuazione della corretta base imponibile, se espressa in valuta diversa dall'euro.

Il nuovo co.2, art.17, DPR n.633/72

 

“Gli obblighi relativi alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate nel territorio dello Stato da soggetti non residenti nei confronti di soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato, compresi i soggetti indicati all'art.7-ter, co.2, lett. b) e c), sono adempiuti dai cessionari o committenti. Tuttavia, nel caso di cessioni di beni o di prestazioni di servizi effettuate da un soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro dell'Unione europea, il cessionario o committente adempie gli obblighi di fatturazione e di registrazione secondo le disposizioni degli artt.46 e 47 del D.L. n.331/93, convertito, con modificazioni, dalla L. n.427/93”.

 

Occorre segnalare che: Replica Watches uk aswissreplica.com

 

fino al 16/03/12

Æ

l'integrazione era facoltativamente prevista in deroga alla regola generale dell’autofattura (si veda C.M. n.12/10) solo per le prestazioni di servizi generiche di cui all'art.7-ter del DPR n.633/72,

 

 

 

dal 17/03/12

Æ

tale modalità diventa obbligatoria per effetto delle modifiche introdotte all’art.17, DPR n.633/72 da parte della L. n.217/11 (Comunitaria 2010).

 

Ora, dal 1° gennaio 2013, la modalità dell’integrazione in luogo della emissione dell’autofattura, diventa tanto per le prestazioni di servizi (sia generici che specifici) quanto per le cessioni di beni l’unica modalità ammessa per assolvere l’imposta mediante l’inversione contabile.

Restano, quindi, invariati gli obblighi per le operazioni poste in essere da soggetti passivi Extra-Ue, per le quali gli obblighi sono assolti dal cessionario o dal committente nazionale mediante emissione di autofattura.

 

Modalità applicazione inversione contabile

tra cedente/prestatore estero e cessionario/committente italiano (rapporti B2B)

per operazioni territorialmente rilevanti in Italia

Natura dell’operazione

Operatore estero che pone in essere

l'operazione

territorialmente rilevante in Italia

Modalità di assolvimento degli

obblighi di inversione contabile

Fino al

31.12.2012

Dall'1.1.2013

Servizi generici

(art.7-ter, DPR n.633/72)

Ue

Integrazione della fattura del soggetto Ue

Integrazione della
fattura del soggetto Ue

Extra-Ue

Emissione dell'autofattura

Emissione dell'autofattura

Servizi diversi da

quelli generici

(artt.7-quater e

7-quinquies,

DPR n.633/72)

Ue

Emissione dell'autofattura

Integrazione della fattura del soggetto Ue

Extra-Ue

Emissione dell'autofattura

Emissione dell'autofattura

Cessione di beni

(art.7-bis,

DPR n.633/72)

Ue

Emissione dell'autofattura

Integrazione della fattura del soggetto Ue

Extra-Ue

Emissione dell'autofattura

Emissione dell'autofattura

 


« Torna all'elenco delle news

Studio Girardi e Tua
Viale Majno, 10 - 20121 MILANO (MI)   |   Via Aldo Moro 3 a - 13900 BIELLA (BI) - Italy
Tel.: +3901534041 - Fax: +39015351058 - E-mail: studio@studiogirardi.it