News

01 January 2013

NOVITA' IVA 2013

Con l’intento di uniformare gli adempimenti in ambito comunitario, la Legge di Stabilità 2013 introduce dal 1° gennaio 2013 una nuova tempistica per la fatturazione e la registrazione delle operazioni intracomunitarie.

A tal fine, è tuttavia necessario analizzare in via preliminare le nuove regole che attengono alla corretta individuazione del momento di “effettuazione” delle operazioni (che rappresenta, secondo la locuzione utilizzata dalla Direttiva 2006/112/CE, il "fatto generatore" dell’imposta).

Momento di effettuazione delle operazioni intracomunitarie

La Legge di Stabilità 2013, in particolare, interviene per modificare il contenuto dell’art.39 del D.L. n.331/93 che dal 1° gennaio 2013 individua il medesimo criterio sia per le cessioni che per gli acquisti intracomunitari di beni:

  • le cessioni intracomunitarie si considerano effettuate all’atto dell’inizio del trasporto o della spedizione dal Territorio dello Stato al cessionario (o a terzi per suo conto); in riferimento alle cessioni il criterio non è dissimile da quanto previsto fino al 31/12/12 laddove il criterio di effettuazione andava individuato secondo le regole generali previste dall’art.6 del DPR n.633/72 e cioè la consegna o spedizione del bene;
  • gli acquisti intracomunitari, invece, si considerano effettuati all’atto dell’inizio del trasporto  o della spedizione dal Territorio dello Stato Ue di provenienza; con riferimento agli acquisti dunque la svolta è evidente: fino al 31/12/12, infatti, tali operazioni si consideravano effettuate nel momento della consegna del bene al cessionario nel Territorio dello Stato o addirittura nel luogo di destinazione del cessionario se il trasporto era avvenuto con mezzi di quest’’ultimo.   

Dal 1° gennaio 2013 con riferimento agli scambi intracomunitari di beni cambia anche la rilevanza degli eventi che in passato anticipavano il momento di effettuazione: il pagamento o la fatturazione anticipati:

 

fino al 31/12/12

Æ

infatti, l’effettuazione di un pagamento anticipato o la fatturazione anticipata, determinavano entrambi il verificarsi del momento di effettuazione dell’operazione in relazione all’importo pagato o fatturato anticipatamente;

 

 

 

a partire dall’1/01/13

Æ

invece, ai fini del momento di effettuazioneReplica Patek Philippe Aquanaut Blancpain Replica corum replica replica bell & ross br-02 series dell’operazione rileva la sola fatturazione anticipata (nel limite di quanto fatturato evidentemente), mentre non assumono più rilevanza gli eventuali pagamenti anticipati ovviamente in assenza di fatturazione.

Relativamente alle prestazioni di servizi, invece, occorre fare riferimento alle modifiche introdotte precedentemente al 1/1/13 dalla L. n.217/11 nota come “Comunitaria 2010”.

Con tale provvedimento sono state apportate modifiche all’art.6 del DPR n.633/72 al fine di individuare un diverso criterio di effettuazione delle citate operazioni con riferimento ai cosiddetti “servizi generici” di cui all’art.7-ter, DPR n.633/72 resi e ricevuti tra operatori economici (sia con soggetti passivi Ue che con soggetti passivi Extra Ue).

Per i servizi “generici”, dunque, il pagamento o la fatturazione anticipata quali criteri generali di effettuazione dell’operazione, lasciano lo spazio al “momento di ultimazione” della prestazione, con sempre la rilevanza del pagamento anticipato.

Diventa, invece, irrilevante la mera fatturazione anticipata (in assenza di pagamento).

 

c L’“apertura” dell’Agenzia Entrate

 

Con riferimento alle difficoltà insite nell’individuazione del momento di “ultimazione” del servizio, l’Agenzia delle Entrate, in relazione alle sole prestazioni generiche intracomunitarie ricevute disciplinate dall’art.7-ter del DPR N.633/72, con la circolare n.35/E del 20/09/12 ha precisato che “per motivi di certezza e semplificazione si deve ritenere che la fattura emessa dal prestatore comunitario non residente possa essere assunta come indice di effettuazione dell’operazione. È dunque con riferimento al momento di ricezione della fattura che va ricondotta l’esigibilità dell’imposta … che deve essere assolta dal committente, a prescindere dall’effettuazione del pagamento”.

 

Con riferimento ai servizi diversi da quelli “generici” (ossia quelli in deroga di cui all’art.7-quater e 7-quinquies), invece, continuano a valere le regole generali previste dall’art.6, co.3 del DPR n.633/72 e cioè il pagamento o la fatturazione anticipata.

Vediamo, quindi, di riepilogare in forma schematica le regole vecchie e nuove che individuano il momento di effettuazione delle operazioni sia per le cessioni di beni che per le prestazioni di servizi.

 

Operazione

Fino al 31.12.2012

Dal 1.1.2013

Cessione intracomunitaria

di beni

Consegna o spedizione.

Fatturazione anticipata, totale o parziale, ovvero pagamento anticipato.

Per le operazioni effettuate in modo continuativo (somministrazioni) il momento impositivo si realizza al pagamento del corrispettivo.

Inizio del trasporto o spedizione (dal territorio dello Stato per le cessioni e da quello dello Stato membro per gli acquisti).

Fatturazione anticipata, totale o parziale.

Non assume più alcuna rilevanza il pagamento di corrispettivi. Per le operazioni effettuate in modo continuativo per un periodo superiore a un mese (somministrazioni), il momento impositivo si realizza al termine di ciascun mese

Acquisto intracomunitario

di beni

 

Consegna in Italia o arrivo a destinazione in Italia.

Fatturazione anticipata, totale o parziale, ovvero pagamento anticipato.

Per le operazioni replicas de relojes españa effettuate in modo continuativo (somministrazioni) il momento impositivo si realizza al pagamento del corrispettivo.

 

 

 

 

 

Fino al 16.03.2012

Dal 17.3.2012

Prestazione di servizi generici, resi o ricevuti, nei rapporti B2B (art.7-ter,

DPR n.633/72)

sia Ue che Extra-Ue

Pagamento del corrispettivo o fatturazione anticipata

Momento di ultimazione ovvero al momento del pagamento (non l'emissione della fattura)*.

Se di carattere periodico o continuativo, alla data di maturazione dei corrispettivi  Le stesse prestazioni, se effettuate in modo continuativo in un periodo superiore a un anno, senza dar luogo a pagamenti - anche parziali - nel medesimo periodo, si considerano effettuate al termine dell'anno solare fino all'ultimazione delle prestazioni.

Prestazione di servizi diversi da quelli indicati al punto precedente

sia Ue che

Extra-Ue

Pagamento del corrispettivo o fatturazione anticipata

Invariato

*per servizi generici intracomunitari ricevuti si veda facilitazione concessa dalla C.M. n.35/E/12

 

Termini di emissione/registrazione delle fatture nelle operazioni Ue

Dopo aver individuato il momento di effettuazione delle operazioni, andiamo ora ad esaminare i nuovi termini di emissione della fattura per le operazioni intracomunitarie e i termini per l'integrazione della fattura ricevuta.

A partire dal 1° gennaio 2013 per effetto delle modifiche apportate agli articoli 46 e 47 del D.L. n.331/93 risultano ampliati rispetto al passato i termini per procedere agli adempimenti della fatturazione/integrazione e registrazione: 

  • emissione/registrazione della fattura entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione per le cessioni intracomunitarie, con riferimento al mese di effettuazione;
  • integrazione/registrazione della fattura ricevuta entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricevimento della fattura per gli acquisti intracomunitari, con riferimento al mese di ricevimento della fattura.

 

Tipologia

di operazione

Termine emissione fattura o integrazione

Termine

di registrazione

Cessioni comunitarie

Giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione della operazione

Entro il termine di emissione della fattura, con riferimento al mese di effettuazione

Acquisti comunitari

(registrazione a libro vendite) con fattura ricevuta

Giorno 15 del mese successivo a quello di ricevimento della fattura

Giorno 15 del mese successivo a quello di ricevimento della fattura, con riferimento al mese precedente

Acquisti comunitari

(registrazione a libro vendite) con fattura NON ricevuta

Giorno 15 del terzo mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione

Giorno 15 del terzo mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, con riferimento al mese precedente

Tale tempistica viene estesa anche alle prestazioni di servizi. In particolare:

  • per le prestazioni di servizi rese il termine ultimo per l'emissione della fattura viene fissato al giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione (art.21, co.4, lett. c) DPR n.633/72); anche qui il termine di registrazione coincide con quello di emissione, ma con riferimento al mese di effettuazione dell'operazione;
  • per le prestazioni di servizi ricevute da soggetto Ue l’art.17 del DPR n.633/72, con riferimento agli obblighi di fatturazione e registrazione, richiama espressamente gli articoli 46 e 47 del D.L. n.331/93 e pertanto anche in questi casi il documento ricevuto deve essere preventivamente integrato entro il 15 del mese successivo alla ricezione della fattura (emessa dall'operatore comunitario); l'Iva a debito sull'operazione mediante annotazione nel registro delle fatture emesse va computata con riferimento al mese di ricezione.

Il diritto alla detrazione, invece, può essere esercitato, secondo i termini ordinariamente stabiliti dall'art.19, DPR n.633/72, previa annotazione nel registro degli acquisti eseguita anteriormente alla liquidazione periodica o alla dichiarazione annuale nella quale è esercitato.

In pratica, è stato opportunamente soppresso il precedente termine di registrazione, coincidente con quello della registrazione nel registro delle fatture emesse (va comunque osservato che dal punto di vista operativo si avrà tutta la convenienza a registrare contestualmente l’operazione sia nel registro Iva vendite che registro Iva acquisti).

Sia per i beni che per i servizi, inoltre, in caso di mancata ricezione della fattura il cessionario dovrà emettere autofattura ai sensi dell’art.46, co.5, D.L. n.331/93 (procedura di regolarizzazione).

Dal 1° gennaio 2013 tale procedura gode di una maggior termine nel senso che l’autofattura potrà essere emessa entro il giorno 15 del terzo mese successivo a quello di effettuazione qualora la fattura del soggetto comunitario non pervenga entro il secondo mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione.

Per le fatture ricevute con l'indicazione di un corrispettivo inferiore a quello reale, invece la fattura integrativa dovrà essere emessa entro il giorno 15 del mese successivo a quello di registrazione della fattura originaria.

 

Termini di emissione/registrazione delle fatture nelle operazioni Extra-Ue

Lo stesso termine previsto per l'emissione delle fatture attive Ue, cioè il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione, viene applicato in base all’art.21, co.4, lett. d) DPR n.633/72):

  • per la fatturazione di servizi generici a soggetti Extra-Ue;
  • per l'autofatturazione dei servizi generici ricevuti da soggetti Extra-Ue.

 


« Torna all'elenco delle news

Studio Girardi e Tua
Viale Majno, 10 - 20121 MILANO (MI)   |   Via Aldo Moro 3 a - 13900 BIELLA (BI) - Italy
Tel.: +3901534041 - Fax: +39015351058 - E-mail: studio@studiogirardi.it